Gli artisti-Requiem di Verdi - 12 aprile 2019

Gli artisti

 
 

Angelo Coccìa

Angelo_Coccia
 
Direttore d'orchestra e pianista. Ha iniziato giovanissimo gli studi musicali, nato a Roma, si è diplomato in Pianoforte con il massimo dei voti al conservatorio di Santa Cecilia con Adalberta Spada, in Direzione d’Orchestra presso il Conservatorio Licinio Refice di Frosinone, con C. Delfrate, ed in Strumentazione per banda presso il Conservatorio di Bologna G.B. Martini. Ha studiato Armonia con M. D'Amico, Contrappunto e fuga e Composizione con E. Alandia, Organo con J. Paradell, Direzione Corale con G. Piccillo, iniziando l’attività di maestro del coro a sedici anni. Premiato in concorsi pianistici internazionali, si è perfezionato in direzione d'orchestra a Roma con Nicola Samale e a Milano con Gianluigi Gelmetti, presso la Fondazione "I Pomeriggi Musicali" ed in teatri in Germania.
Unisce l'attività musicale alla professione di avvocato del foro di Roma e della Rota Romana.
Fondatore e Direttore del coro I filarmonici romani, maestro direttore della cappella musicale di S. Saturnino in Roma (coro psallite Sapienter),
al suo attivo registra l'esecuzione di svariate opere liriche (Elisir d'amore, Traviata, Trovatore, Rigoletto, Boheme, Tosca, Cavalleria Rusticana etc.),  concerti sinfonici e sinfonico corali (musiche di Haydn, Mozart, Beethoven, Brahms, Rossini, Verdi, etc.) presso Enti, Teatri e Chiese, Basiliche, nonché partecipazioni radiofoniche e a giurie di concorsi nazionali ed internazionali, in Italia e all'estero.
 

Annalisa Raspagliosi

Annalisa
Soprano. Nata a Roma, ha studiato con Giuseppe Piccillo, Marinella Meli, Raina Kabaivanska e con Otello Felici. Dopo aver vinto i concorsi internazionali di canto Cascina Lirica e Città di Roma (“Battistini”) nel 1998, ha debuttato come Violetta ne La Traviata. In seguito ha cantato Amelia in Simon Boccanegra, Luisa Miller, Lina in Stiffelio (Trieste), Amalia ne I Masnadieri (Palermo), Fiordiligi in Così fan tutte (Genova, Prato e Messina), Mimì nella Bohème, Violetta ne La traviata (Teatro Regio di Parma, Teatro Real di Madrid, Francoforte, Vlaamse Oper di Gent, Wichita Grand Opera, Bolshoi di Mosca), Tosca (Como, Wichita Grand Opera, Santander, Firenze, Bologna, Francoforte, Losanna, Pamplona, ​​Bergamo, Brescia, Valladolid, Bari, Lipsia, Rovigo, Savona) e Adriana Lecouvreur (Firenze e Oper Frankfurt). Ha collaborato con direttori quali: M. Armiliato, Arrivabeni, Bignamini, Bisanti, Carignani, R. Chailly, Chaslin, Chung, Conlon, ed altri. Ed è stata diretta da registi quali: Bernard, Bertolucci, Carsen, De Ana, Del Monaco, Gandini, S.M. Garner, Mariani, McVicar, Mirabella, Moshinsky, Micheli, Pacini, Pier’Alli, Pizzi, Pontiggia, Savary, Zeffirelli. Dal 2000 al 2005 ha cantato al fianco di Luciano Pavarotti in un lungo tour di concerti (Londra, New York, Las Vegas, Los Angeles, Indianapolis, Raleigh, Wichita, Boston, Calgary, Hong Kong, Tokyo,  Shanghai, Pechino altre città del mondo). Il Concerto di Capodanno 2005 diretto da George Pretre (Venezia), IX sinfonia e Fantasia Corale op. 80 di Beethoven diretta da Riccardo Chailly (Auditorium Verdi Milano).

Silvia Pasini

pasini

Mezzo soprano. Diplomata in canto sotto la guida di Marika Rizzo, ha seguito numerosi corsi di perfezionamento: Progetto Opera Studio (Teatro dell’Opera di Roma ‘96/97), Luciano Pavarotti, Bruno De Simone, Mirella Freni, Corinna Vozza, Accademia di Osimo; Raina Kabaivanska, Accademia per Voci Verdiane di Parma (M° Alain Billard), William Matteuzzi, Renato Bruson, Cristina Orsolato. Debutta nel 1996 presso il Teatro Lirico di Cagliari con il ruolo di “Fidalma” nel “Matrimonio Segreto”. Finalista in vari concorsi come il “Belvedere” di Vienna, “Voci Verdiane” di Busseto, “Maria Callas” indetto dalla Rai, vince nel 2002 il “Mattia Battistini” debuttando il ruolo di Santuzza nella Cavalleria Rusticana presso il Teatro Flavio Vespasiano di Rieti. Da allora interpreta diversi ruoli di belcanto : Rosina nel Barbiere di Siviglia col M° Di Stefano, Isabella nell’Italiana in Algeri, Cenerentola con il M° Gelmetti a Siena, Zaida nel Turco in Italia di Rossini con il M° Renzetti all’Opera di Roma, Dorabella nel Così fan Tutte al Festival Internazionale di San Gimignano, la Terza Dama nel Flauto Magico di Mozart a Livorno e Sassari, il Werther (Charlotte) di Massenet a Spoleto. Nel 2001/2002 debutta al Teatro dell’Opera di Roma con “Prova d’Orchestra” di Battistelli (reg. Krief), The Banquet di Panni, i “Racconti di Hoffmann (dir. Palumbo). Prende parte alla Manon Lescaut di Puccini presso il Teatro Sperimentale di Spoleto e al Rigoletto presso il Teatro di Busseto con Leo Nucci e la regia di V. Sgarbi. Voce decisamente eclettica, negli ultimi anni si è orientata verso un repertorio più drammatico: nel 2004 debutta con successo “Fenena” nel Nabucco presso il Teatro La Fenice di Venezia (dir. G. Rath); ”Azucena” nel Trovatore al Teatro Coccia di Novara (dir Rota, reg. Beppe de Tommasi); “Ulrica” presso il Teatro Municipal di Rio de Janeiro (dir Monica).

Alessandro Liberatore

alessandroliberatore3

Tenore. Nasce a Roma dove compie gli studi musicali. Vince in giovanissima età importanti concorsi di canto tra cui il concorso Enrico Caruso, il Città di Nettuno ed il concorso Zandonai, grazie al quale debutta nel Don Giovanni, come Don Ottavio. Allievo di Luciano Pavarotti e sotto la super visione del maestro Leone Magiera prepara gran parte del repertorio operistico che interpreterà nelle stagioni a venire. Nell'Ottobre 2002 canta a fianco di Luciano Pavarotti in recital a Montecarlo e debutta nei mesi successivi come Rodolfo nella Bohème con la regia di Luciano Pavarotti andata in scena nella Valle dei Templi di Agrigento. Il suo repertorio comprende soprattuto opere di Mozart, Bellini, Donizetti, Verdi, Puccini e diversi titoli del repertorio francese cui ritorna con particolare piacere. Ha partecipato a concerti organizzati dall’Arena di Verona in diverse città europee. Successivamente ha interpretato il ruolo di Ismaele nel Nabucco al Festival di Bassano del Grappa e nei teatri di Rovigo, Pisa, Trento e Bolzano. Tra i Festival di Bassano del Grappa al Nabucco nel Ismaele e debutta nei mesi successivi come Rodolfo nella Bohème con la regia di Luciano Pavarotti andata in scena nella Valle dei Templi di Agrigento. Attivo anche sul versante concertistico ha interpretato: la Messa di Gloria di Puccini, la Messa dell’Incoronazione KV 317 di Mozart al Filarmonico di Verona e il Requiem di Mozart nei teatri di Ancona, Pesaro e Jesi; è stato protagonista del concerto Omaggio a Tito Schipa tenutosi a Lecce e del quale è stato prodotto un CD edito da Bongiovanni. Ha riscosso il consenso di pubblico e critica per il suo debutto nel Requiem di Verdi a Cagliari a cui sono succeduti Madama Butterfly a Tampere, Rigoletto a Valencia e a Lisbona Lucia di Lammermoor al Teatro dell'Opera di Roma.

Alessio Quaresima Escobar

Quaresima
 

Basso.  Alessio Quaresima Escobar entra giovanissimo a far parte dei “Pueri Cantores” del coro della “Cappella Musicale Pontificia Sistina” diretta dal M° Mons. Domenico Bartolucci, dove inizia lo studio del canto. In seguito inizia lo studio del pianoforte ed entra nella classe del M° Carla Giudici al Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma, diplomandosi nel 1996 con il massimo dei voti e la lode. Si è perfezionato, in seguito, con il M° Rodolfo Caporali con il quale ha arricchito la sua formazione artistica. Vincitore del concorso, ha ottenuto la qualifica professionale per “ Maestro collaboratore sostituto” al Teatro Lirico Sperimentale A. Belli di Spoleto nel corso del 2002. Nel 2009 si diploma brillantemente in canto lirico al Conservatorio di Musica “G. Briccialdi” di Terni sotto la guida di Mirella Caponetti. Si è perfezionato con Francesca Patanè, Bernadette Manca Di Nissa, Alberto Rinaldi, Walter Cataldi Tassoni. Nel 2012 gli viene assegnato il prestigioso Premio Internazionale Medaglia d’Oro “Maison des Artistes” come “Baritono dalle elevate qualità tecniche ed interpretative”. E’ stato premiato in concorsi nazionali ed internazionali, ultimamente vincitore del “Premio Verismo” al Concorso Internazionale di Musica Sacra “Beata Paola Montaldi” di Volta Mantovana. Si è esibito in alcuni fra i più famosi teatri e sale da concerto del mondo come la Carnegie Hall di New York, la Hamarikyu Asahi Hall di Tokyo, l’Auditorium della Conciliazione di Roma, il Teatro dell’ Opera di Roma, il Teatro Valle di Roma, il Teatro Comunale di Bologna per prestigiose istituzioni musicali come l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Si è perfezionato all’Academia Musicae Pro Mundo Uno, all’Accademia Musicale Ottorino Respighi, all’ Ars Academy ed alla Scicli International Music Academy.

 

Coro I filarmonici romani

filarmonici
 
Formato da oltre 50 valenti coristi amatoriali appassionati di musica si è costituito nel 1997 nell'ambito della parrocchia di san Saturnino, grazie anche al lungimirante sostegno dei parroci che si sono succeduti nel tempo, fino all'attuale don Marco Valenti. In oltre vent'anni di attività ha al suo attivo decine di concerti tra oratori di musica sacra e opere liriche. Nelle grandi occasioni si avvale dell'apporto di coristi professionisti di primarie istituzioni musicali nazionali che collaborano sempre con grande entusiasmo alle varie produzioni. In repertorio si annoverano le più importanti opere di Bach, Haendel, Vivaldi, Donizetti, Rossini, Verdi, Mascagni, Orff e così via.
 

Nova Amadeus Symphonic Orchestra

Nova_Amadeus

Già Orchestra Sinfonica NOVA AMADEUS, ideata e fondata nel 1982 da Stefano Sovrani, nel corso degli anni ha sviluppato una larghissima esperienza professionale nelle principali strutture teatrali e televisive italiane, comprendendo tutte le forme musicali e di spettacolo.

Nel 1992,  l'orchestra si è costituita legalmente come Associazione NOVA AMADEUS e anche con i contributi del Ministero per le Attività Culturali - Dip. dello Spettacolo, unitamente a quelli della Regione Lazio e di Roma Capitale, ha organizzato  ininterrottamente una propria stagione concertistica che dal 2012 prosegue con la nuova associazione diretta esclusivamente da Stefano Sovrani e denominata NACO - Nova Amadeus Chamber Orchestra. L’Orchestra ha sviluppato un repertorio lirico sinfonico,  senza però tralasciare il cameristico, partecipando sempre con professionalità ed entusiasmo ad ogni tipo di manifestazione, ottenendo ampi consensi di pubblico e di critica. Numerosissime sono le collaborazioni artistiche con compositori di calibro internazionale con i quali ha inciso colonne sonore o CD.